MdS Editore
Lunedì, Novembre 20, 2017
Login Registrati

Accedi al tuo account

Nome utente
Password *
Ricordami
Ti trovi qui:Salute&Benessere Margherita Cottoni
Margherita Cottoni

Margherita Cottoni

Ho cominciato a viaggiare a nove anni. Con i miei genitori ho visto l’Europa che ancora portava pesanti tracce dell’ultima guerra: a Colonia c’era soltanto il duomo, intorno macerie… In Francia, una volta, abbiamo dovuto attraversare il Rodano su una chiatta: il ponte non era stato ancora ricostruito. La Spagna che visitammo l’anno dopo era quella di Hemingway ne “Il Sole sorgerà ancora”. Il matador lanciava il suo cappello alla bella signora della prima fila. Se fosse americana o no non posso dirlo….
Quando tornavo a scuola dopo uno di questi viaggi la maestra adorava sentire i miei racconti…. 
Poi ci sono stati gli anni dell’università e gli impegni familiari… Sentivo che mi mancava qualche cosa!
Ho ripreso a viaggiare e soprattutto a fotografare. Mi sono resa conto che mi sarebbe piaciuto molto fare la documentarista: cogliere attimi di vita, momenti di particolare armonia delle persone e delle cose….. Ma ormai ero una professoressa di matematica e scienze e non avevo la più pallida idea di come entrare nel mondo del documentario. Le mie esperienze mi potevano al più servire per spiegare meglio la deriva dei continenti, i vulcani, l’altezza del sole nelle varie fasce climatiche…. Quando ho deciso di cominciare a scrivere mi sono resa conto di come dovevo essere stata noiosa quando parlavo dei miei viaggi con la maestra. Dovevo assolutamente trovare uno stile diverso. E non era facile! Molti avevano già scritto molto e sicuramente meglio di me. Avevano visto cose molto più interessanti perché avevano viaggiato molto prima che la globalizzazione riempisse la terra dei cartelli rossi della pubblicità della Coca Cola. Alcuni parlavano le lingue locali ma soprattutto sapevano usare la penna in modo magistrale. Ho deciso allora di raccontare in maniera ironica e dissacrante delle mie difficoltà nell’adattarmi a certe situazioni di viaggio. Stavo infatti facendo a sessant’anni quello che avrei dovuto fare a venti! Il paese che visitavo sarebbe stato lo sfondo delle mie disavventure. Uno sfondo importante con tutta la sua cultura e le sue immagini.

margherita.cottoni@mdseditore.it

La notte al campo - Prima parte

Venerdì, 27 Giugno 2014 00:59
La notte al campo - Prima parte - 4.0 out of 5 based on 4 reviews

Prendere in possesso la propria camera in un albergo è già un problema! Bisogna sempre cercare i vari interruttori e capire come funziona la doccia, l'aria condizionata... Figurarsi quando si arriva in un campo tendato!

Come sarà il campo tendato? Terza Parte

Lunedì, 02 Giugno 2014 20:20
Come sarà il campo tendato? Terza Parte - 5.0 out of 5 based on 5 reviews
...ancora alpeggi densamente popolati di mandrie. Settembre è appena iniziato. Non è ancora cominciata la transumanzaq verso i pascolo autunnali. Le bestie si godono il piacevole sole del pomeriggio.

Come sarà il campo tendato? Seconda Parte

Domenica, 11 Maggio 2014 16:23
Come sarà il campo tendato? Seconda Parte - 4.0 out of 5 based on 3 reviews
Il Kirghizistan è un paese piccolo e povero. Le sue risorse sono l'agricoltura, (avete potuto vedere la bellissima frutta nelle immagini del mercato di Bisckek) e la pastorizia (ora vedrete le mandrie pascolare lungo la strada e sulle montagne), ma ha importanti risorse minerarie.

Come sarà il campo tendato

Sabato, 26 Aprile 2014 19:27
Come sarà il campo tendato - 3.8 out of 5 based on 5 reviews
Ristorati dall'esotico pasto proseguiamo verso i monti che finora abbiamo sempre visto in lontananza con le cime coperte di neve. Strane formazioni rocciose, di colori vari, contornano la nostra strada e rendono il paesaggio più vario e interessante.
...e poi c'erano delle marmellate buonissime! Terza parte - 5.0 out of 5 based on 1 review
Finalmente si parte! Uscendo dalla città i templi delle religioni dominanti: Ortodossa e Islam.

Il tempo è bello .Non ci sono nuvole ad annunciare la temuta pioggia. La campagna è curata.
...e poi c'erano delle marmellate buonissime! Seconda Parte - 5.0 out of 5 based on 2 reviews
All' uscita dal mercato ci accorgiamo di avere perso una delle nostre compagne di viaggio. Tutti muniti di telefonino, non abbiamo pensato a scambiarci i numeri adattandoli alla rete locale, per cui non possiamo contattarla.
...e poi c'erano delle marmellate buonissime! - 4.7 out of 5 based on 7 reviews
Prima di partire bisogna assolutamente consultare gli amici sopratutto se sono appena tornati dal paese che intendiamo visitare. Il Kirghizistan in questo caso.

Viaggiare: una droga?

Venerdì, 21 Febbraio 2014 15:35
Viaggiare: una droga? - 3.4 out of 5 based on 5 reviews
Finalmente a casa dopo un lungo viaggio! Gli occhi pieni di immagini,le orecchie colme di suoni, le narici sature di odori! Casa dolce casa!