MdS Editore
Martedì, Dicembre 12, 2017
Login Registrati

Accedi al tuo account

Nome utente
Password *
Ricordami

Tabula Rasa

Lunedì, 11 Novembre 2013 22:21

Dove la laicità é sacra!

Scritto da 
Vota questo articolo
(2 Voti)
Dove la laicità é sacra! - 5.0 out of 5 based on 2 reviews

All'inizio dell'anno scolastico tutte le scuole francesi hanno ricevuto una lettera del ministro contenente una carta in 15 punti per ribadire la laicità della scuola. Per legge questi quindici punti saranno affissi in ogni scuola della Repubblica, e noi insegnanti abbiamo ricevuto anche piste pedagogiche per il suo utilizzo in classe.

Si tratta di un argomento delicato e ovviamente ho una mia opinione in merito, ma ho preferito limitarmi (per il momento) a tradurre per voi i 15 articoli e un breve estratto della lettera del Ministro. Sarò felice di ricevere i vostri commenti e le vostre domande in merito...

Rifondare la scuola della repubblica significa restituirle il suo posto nella trasmissione del bene comune e delle regole, dei principi e dei valori sui quali si fonda. Dato che la repubblica é portatrice di un'esigenza di ragione e di giustizia, compete alla scuola contribuire alla costruzione della comunità, dell'ugualianza, della libertà e della fratellanza. Si tratta di accompagnare gli studenti nel loro futuro da cittadini senza ferire le coscienze: questa é l'essenza stessa della laicità.

[…]

la laicità della scuola non é una limitazione della libertà, ma la condizione fondamentale per la sua realizzazione. Non é mai diretta contro gli individui o le loro coscienze, ma essa garantisce l'ugualianza di trattamento di tutti gli studenti e l'uguale dignità di tutti i cittadini.

Nel rifiuto di ogni intolleranza e discriminazione, essa é il fondamento del rispetto reciproco e della fratellanza.“

Vincent Peillon, Ministre de l'Èducation Nationale

  1. La Francia é una Repubblica indivisibile, laica, democratica e sociale. Essa assicura l'ugualianza davanti alla legge di tutti i suoi cittadini in tutto il suo territorio. La Repubblica rispetta tutti i credo.

  2. La Repubblica organizza la separazione tra stato e religioni. Lo stato é neutro nei confronti delle convinzioni religiose o spirituali. Non esiste una religione di stato.

  3. La laicità garantisce la libertà di coscienza a tutti. Ciascuno é libero di credere o di non credere. Essa permette la libera espressione delle proprie convinzioni, nel rispetto di quelle altrui e nei limiti dell'ordine pubblico.

  4. La laicità permette di esercitare il proprio ruolo di cittadino conciliando la libertà di ciascuno con l'ugualianza e la fraternità di tutti nell'interesse generale

  5. La Repubblica garantisce nelle scuole il rispetto di ciascuno di questi principi

  6. La laicità della scuola offre agli studenti le condizioni per costruire la loro personalità, esercitare la loro libertà di scelta e imparare a essere cittadini. Essa li protegge da ogni proselitismo e da ogni pressione che possa impedire loro di fare liberamente le loro scelte

  7. La laicità assicura agli studenti una cultura comune e condivisa.

  8. La laicità permette l'esercizio della libertà di espressione nei limiti del buon funzionamento scolastico, così come permette il rispetto dei valori repubblicani e del pluralismo delle convinzioni

  9. La laicità implica il rifiuto di ogni violenza e discriminazione, garantisce l'ugualianza tra ragazze e ragazzi e si basa su una cultura del rispetto e della comprensione dell'altro

  10. È compito di tutto il personale trasmettere il senso e il valore della laicità, così come di tutti gli altri valori della Repubblica

  11. Il personale é tenuto alla più stretta neutralità: non deve manifestare le proprie convinzioni politiche o religiose nell'esercizio delle proprie funzioni

  12. Gli insegnamenti sono laici. Per garantire agli studenti la visione più oggettiva possibile difronte alla diversità delle visioni del mondo. […] Nessun argomento é a priori escluso dalla ricerca scientifica e pedagogica. Nessuno studente può evocare le proprie convinzioni politiche o religiose per contestare a un insegnante il diritto di trattare in classe una questione appartenente al programma.

  13. Nessuno può farsi forte della propria appartenenza religiosa per rifiutare di corformarsi alle regole della scuola della Repubblica.

  14. Nella scuola pubblica le regole di vita nei diversi spazi, precisate nel regolamento interno, sono rispettose della laicità. Simboli o abbigliamento che ostentino un'appartenenza religiosa sono proibiti.

  15. Attraverso le loro riflessioni e le loro attività, gli studenti contribuiscono a far vivere la laicità all'interno del loro istituto.

Letto 5223 volte
Altro in questa categoria: « Il sopravvissuto Bravo, 7+ »