MdS Editore
Lunedì, Novembre 20, 2017
Login Registrati

Accedi al tuo account

Nome utente
Password *
Ricordami

Window to the Soul

Lunedì, 10 Marzo 2014 16:52

Leggendo On Writing: Autobiografia di un Mestiere di Stephen King

Scritto da 
Vota questo articolo
(1 Vota)
Leggendo On Writing: Autobiografia di un Mestiere di Stephen King - 4.0 out of 5 based on 1 review
‘The scariest moment is always just before you start.’

(Il momento piu’ terrificante e’ sempre quello prima di iniziare.)

Stephen King

Famoso per i suoi racconti horror, fantascientifici e di suspence, Stephen King sorprese il mondo letterario con “On Writing: A memoir of the Craft’” pubblicato nel 2000.  Questo formidabile Memoir presenta una collezione di riflessioni sul mestiere dello scritttore e sulla letteratura contemporanea.

La prima sezione, dedicata alla sua infanzia ed alla adolescenza, narra di come il giovane King scopri’ il mondo dei libri e del suo  desiderio di esprimere la propria creatività attraverso la scrittura. La seconda sezione, forse la piu’ importante, e’ composta da una lunga analisi su cosa significhi essere uno scrittore e cosa necessiti per diventare tale. Tra i numerosi libri e saggi pubblicati negli ultimi trent’anni, “On Writing” e’ sicuramente uno dei migliori , incredibilmente anche uno dei più semplici manuali sull’arte dello scrivere.

Nel  paragrafo iniziale della  seconda sezione, King rivela la formula magica per essere uno scrittore: leggere e scrivere tanto. Dal leggere riceviamo lezioni preziose; dai grandi scrittori impariamo nuovi stili, la costruzione di personaggi credibili, la produzione di una narrazione aggraziata;  da un pessimo  libro impariamo cosa non fare e come non scrivere. King afferma: “We read to experience the mediocre and the outright rotten… in order to measure ourselves against the good and the great, to get a sense of all that can be done.  (leggiamo per sperimentare ciò che è mediocre e orribile per misurarci con ciò che è buono ed eccellente, affinché’ si percepisca ciò che può essere realizzato)”.

Leggere è fondamentale per la vita creativa di uno scrittore, è ciò che permette di creare qualcosa di originale, soprattutto qualcosa che valga la pena leggere. Contemporaneamente, la cosa piu’ semplice che possiamo fare per diventare scrittori  è  iniziare a scrivere, scrivere  pensieri e riflessioni su fatti accaduti, scrivere le emozioni vissute su un semplice foglio volante o al computer. Le nostre esperienze e la nostra percezione del mondo che ci circonda deve fondersi con le informazioni assorbite attraverso la lettura. I nostri racconti  diventano unici se combiniamo  ciò che conosciamo e ciò che desideriamo scrivere.

Il libro “On Writing: A memoir of the Craft’” contiene innumerevoli suoi suggerimenti, ed  uno dei più interessanti è sicuramente la sua regola d’oro: scrivere onestamente. Ciò  significa lasciar parlare ed agire in modo verosimile i personaggi di un racconto. Essi devono essere  persone vere  nella mente dello scrittore e del lettore, devono  essere i dotati non solo di pregi ma anche di difetti. Non esistono persone estremamente buone nè estremamente cattive. La psiche umana è formata da strati di verità e di percezioni che permettono ad un individuo di agire secondo i suoi parametri di normalità: ciò che è caos per qualcuno, è ordine per altri. La scrittura ci permette di creare infiniti mondi e personaggi incredibili, dandoci la possibilità di esprimere il nostro Io.

 Il consiglio principale di King è  di non scoraggiarsi mai,  non smettere mai di sognare e  mettere nero su bianco tutto quello che vorremmo comunicare. King ci fa presente che non tutti ameranno il nostro lavoro. Essere rifiutati fa parte del processo e non dovrebbe avere importanza. Lui stesso ricevette innumerevoli lettere di rifiuto da parte di case editrici e riviste quando era un giovane scrittore alle prime armi. Da quelle stesse lettere imparò  la formula che cambiò  la sua visione.  E’ quindi importante scrivere non per la gloria e né per I soldi, ma per la gioia che  lo scrivere da’. E’ solo quando scriviamo con passione  che non ne sentiamo il peso e conseguentemente potremmo farlo per sempre. 

Letto 4109 volte